Perché Stai Indossando Una Maschera? Il Rituale Pagano della TRASFORMAZIONE!


coronavirus covid-2019 Girl in mask fear

Julian Huxley una volta scrisse che gli elementi di base nella trasmissione e trasformazione culturale sono psicologici. Ecco come cambiamo. Da tempo immemorabile, sono stati eseguiti rituali elevati per trasformare la realtà.

Il rituale è uno psico-dramma spirituale della coscienza; un’azione deliberata intrapresa per facilitare il cambiamento; cambiamenti nell’intero ambiente in cui vivono le persone, a partire dal panorama mentale delle persone stesse;
“Il luogo in cui esiste la nostra realtà nasce per la prima volta in un sogno.” qualcuno diceva.

L’artista Sharon Devlin una volta descrisse senza mezzi termini il vero scopo del rituale come:

“… metodo per alterare la mente. È un dramma sacro in cui tu sei il pubblico e anche il partecipante. E lo scopo è quello di attivare parti della mente che non sono attivate dall’attività quotidiana. “

Il rituale facilita la meccanica del cambiamento attraverso meccanismi specifici; un ritmo da sincronizzare; fondersi e fluire con; un disegno magnetico, disegnando uno sul percorso verso la trasmutazione.

I rituali sono veicoli che portano a casa queste idee; le informazioni, i dati, i simboli che al momento della trasmissione creano la lingua con cui i membri della nuova società comunicano dopo che sono stati avviati.

Questo nuovo linguaggio impartisce una nuova comprensione attraverso le definizioni che il rituale genera.

Un’iniziazione rituale introduce ed instrada una persona nella “via”; un nuovo stile di vita o visione del mondo; un programma per guidare credenze e azioni, consentendo all’iniziato di diventare un membro pieno e vero della nuova società.

Nota che il rituale non è sempre un’azione consapevole. Non tutti i partecipanti a un rituale sono esplicitamente consapevoli di essere partecipanti. Eppure, ancora, nuovi schemi di pensieri, di significato, vengono conseguiti; consapevole o no del rituale in cui l’iniziato prende parte.

Le tre fasi di un rituale di iniziazione

In questa fase, l’iniziato è separato dal banale. Lo sapevi che banale significa letteralmente “del mondo?”

L’iniziato viene in gran parte rimosso dalle persone, dai luoghi e dalle cose altrimenti familiari a cui sono abituati per essere “cancellati” da loro.

Un iniziato è costretto a rimanere distaccato e isolato, epurato e “purificato”.

Un elemento essenziale di questa separazione dal proprio ambiente tipico è la sospensione delle normali regole di vita a cui si è abituati; nel modo normale.

La maggior parte dei sensi dell’iniziato verrà comandata e regolata in questo momento. In altre parole, la maggior parte di ciò che l’iniziato vede, sente, odora, tocca e assaggia, è deliberatamente controllata.

Nel rituale, questi sensi possono essere bombardati, modificati, limitati o privati. Ma, indipendentemente da ciò, le percezioni e le esperienze sono alla fine supervisionate dal sommo sacerdote e dalle sacerdotesse che dirigono l’esecuzione del rituale.

Il rituale consente alla nuova luce di brillare attraverso una finestra di pensieri recentemente aperta.

Con nessun altro posto dove andare se non i luoghi in cui siamo “autorizzati”, l’isolato, isolato, iniziato può essere costretto a confrontarsi con il proprio riflesso e le ombre interiori che sono state ignorate o sepolte da qualche parte in profondità sotto il normale giorno.

Queste cose diventano improvvisamente inevitabili. I trigger vengono fatti esplodere; un’altra purga.

Proprio come comportano la resa, anche i rituali di iniziazione comportano sacrificio; sia il tangibile che può essere tenuto in mano, sia quello immateriale, come i comportamenti, devono essere abbandonati per necessità.

Dopotutto, affinché qualcosa venga “dato”, anche qualcosa deve essere preso; un segno di sottomissione, un’oncia di sangue; una libbra di argilla da rimodellare.

Che sia drammaticamente palese o ingannevolmente sottile, il rituale reinterpreta la realtà; viene data una nuova definizione di realtà. Viene introdotta la formazione sotto forma di nuovi comportamenti e conoscenze, compresi miti e codici.

Le cose necessarie affinché i nuovi membri funzionino correttamente nella società in cui vengono introdotti sono tutte permeate durante questo periodo.

La ripetizione è tipica, poiché il suo uso aiuta a martellare a casa l’incantesimo sugli iniziati.

Indossare maschere per gli iniziati

Le persone che indossano maschere si allineano per acquistare forniture da un negozio durante l’epidemia di coronavirus a Barcellona, Spagna, sabato 4 aprile 2020. Il nuovo coronavirus provoca sintomi lievi o moderati per la maggior parte delle persone, ma per alcuni, in particolare per gli anziani e le persone con problemi di salute esistenti, può causare malattie o decessi più gravi.
(Foto AP / Emilio Morenatti)

È quasi sempre necessario indossare maschere durante un rituale di iniziazione. Il mascheramento ha tradizionalmente svolto un ruolo importante nei rituali di questo tipo.

Le maschere accelerano la soppressione dell’ego per aiutare a facilitare la morte della vecchia identità prima dell’identificazione e della manifestazione di una nuova identità.

Travestito da maschera e nascosto, l’iniziato è più facilmente in grado di trascendere il sé; spinto in avanti verso quella linea invisibile tra il regno fisico e quello spirituale.

Il Trauma

Il trauma è un altro aspetto chiave di questo tipo di cerimonia di iniziazione. È usato principalmente per personalizzare la paura della morte.

A volte nel rituale, l’atto di morire è cerimoniosamente un ruolo; il buio oltre il buio; l’abisso che sbadiglia.

Solo dopo che la morte è stata affrontata, l’iniziato da simbolicamente risorto e rinascere di nuovo.

Mentre il processo che si sta svolgendo è abbastanza coordinato e sofisticato nella realtà, può essere eseguito in modo volutamente confuso; in modo che i pali sembrino continuare a muoversi avanti e indietro, su e giù, qui ora lì immediatamente dopo.

Ciò rende l’iniziato incapace di trovare una solida base mentale da cui dare logicamente senso a qualsiasi cosa.

Questo disorientamento è la chiave del rituale di trasformazione.

Il tempismo incerto genera un’ansia generale, rimuovendo ulteriormente l’iniziato dalla realtà lasciandolo più suscettibile a un tipo di condizionamento pavloviano.

Questo indebolisce le difese proprio come farebbe un virus. Solo questo ha il potenziale per abbattere l’individuo molto più completamente di un virus.

Qualunque siano i dettagli più fini, il modo di vivere precedente è sparso come una vecchia pelle alla fine del rituale; una fine che precede il nuovo inizio.
Il cambiamento ha inizio.

La transizione

Questa è la seconda fase; la transizione. Quando il vecchio sé simbolicamente muore, l’iniziato scende in uno stato di liminalità; una sorta di febbre-sogno purgatorio-terra una specie di limbo; il vuoto nel mezzo.

Pertanto, il vecchio sé muore quando l’iniziato viene purificato. L’iniziato è ora una stanza bianca; una tela bianca lavata, innescata ed alla disperata ricerca della vernice; una tabula rasa.

Allo stesso tempo, la sua vecchia esistenza e il suo stile di vita muoiono, l’iniziato che lo trascende viene gradualmente elaborato, riprogrammato e incorporato nel suo nuovo ambiente; riformato, ricostituito e rinato nel nuovo mondo che attende alla fine del tunnel.

L’integrazione

Ad un certo punto in futuro, vedremo la fase finale del rituale di trasformazione; integrazione.
Qualcuno di ciò che è stato descritto in questo articolo ti suona familiare?
L’unica domanda che rimane è: acconsenti?

fonte: https://avoidthemark.com

Un grande abbraccio di Luce
Hakan Puma


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...